Prestito vacanze: cos’è e come funziona?

Voglia di vacanze? Preparativi in vista per il ponte di Halloween? Un prestito vacanze potrebbe essere la soluzione. Scopri come funziona

Un prestito per le vacanze: dei soldi per andare in vacanza. Esiste davvero una cosa simile? Si. Prima di perdervi tra le numerose offerte di prestito online disponibili, chiedere alle agenzie di viaggio che fanno da intermediari, o recarsi in banca, è meglio sapere di cosa si tratta.

Il prestito per le vacanze è una forma di credito al consumo che viene richiesta dai consumatori per non rinunciare a una vacanza lunga, o a un viaggio di piacere anche breve.

Prestito vacanze: le garanzie necessarie

 

Chiariamo subito una cosa che si potranno chiedere coloro che in passato hanno avuto disguidi finanziari o sono stati segnalati come cattivi pagatori: per loro c’è la possibilità di estinguere il prestito con la cessione del quinto dello stipendio o della pensione, con questa modalità la banca tratterà direttamente le rate dallo stipendio o dalla pensione.

 

Prima di analizzare i dettagli economici dei prestiti per le vacanze, rispondiamo a una delle domande più importanti: quali sono le garanzie necessarie per accedevi?
Per sottoscrivere questa particolare tipologia di prestito personale è necessario fornire le garanzie previste per tutte le altre tipologie di prestito:

  • avere dai 18 ai 75 anni;
  • essere residenti sul territorio italiano;
  • una fonte di reddito stabile (busta paga o pensione) che tuteli la banca dal rischio di insolvenza;

Prestito vacanze: dettagli economici

 

Un prestito vacanze viene solitamente chiesto quando non si ha una grossa disponibilità economica, tenendo conto del fatto che la somma massima erogabile, solitamente, non raggiunge i 15 mila euro, tranne nel caso di soggiorni all’estero prolungati, per imparare una nuova lingua, dove il valore può arrivare a 30 mila.

Questo tipo di prestito personale consente di ricevere la cifra richiesta direttamente sul proprio conto corrente, di utilizzarla senza vincoli e senza l’obbligo di fornire giustificazioni all’ente finanziario che eroga il prestito.

 

I prestiti vacanze possono coprire il 100% del viaggio e  le cifre richiedibili dipendono dalla banca a cui ci si rivolge; varia anche il periodo di ammortamento: la media, solitamente, è compresa tra i 12  e i 60 mesi, con alcuni istituti che arrivano anche a 84 mesi con importi maggiori di 15 mila euro, anche se, come previsto dalla legge, il cliente può estinguere anticipatamente e in un’unica soluzione la somma ottenuta così da risparmiare gli interessi sul capitale ancora dovuto.

Per quanto riguarda i tassi di interessi, sono fissi, le rate sono ridotte, e anche le spese di istruttoria della pratica sono conveniente: alcuni istituti di credito offrono un prestito vacanze a zero imposta di bollo, istruttoria, incasso e gestione rata.

Quali documenti sono necessari per ottenere un prestito vacanze?

 

Per accedere ai prestiti per le vacanze bisogna presentare la domanda esibendo:

  • un documento di identità valido e non scaduto;
  • il codice fiscale;
  • copia dell’ultima busta paga per i lavoratori dipendenti, del cedolino della pensione per i pensionati, del Modello Unico per i lavoratori autonomi o per i liberi professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *