GABICCE: IL PARCO SAN BARTOLO TUTTO DA SCOPRIRE

Al confine tra la regione delle Marche e quella dell’Emilia Romagna si trova il piccolo comune di Gabicce, che nelle sue due frazione di Gabicce Mare e Gabicce Monte,  è ricompreso nella zona nella quale si estende il parco di San Bartolo. Il comune, apprezzato dai turisti e visitatori estivi per le numerosi attrazioni balneari ( quali la bellissima bai degli Angeli, in corrispondenza dell’ultimo tratto del Golfo di Rimini), offre in realtà ai suoi ospiti la possibilità di poter vivere un’esperienza unica a contatto con la fauna e la flora autoctona del luogo e protetta dall’ente parco.

Prenotando uno dei numerosi residence a Gabicce sarà possibile vivere un weekend a stretto contatto con la natura e le sue meraviglie.

All’interno del parco infatti, oltre alle consuete visitare accompagnati da una guida esperta in grado di raccontare e spiegare la vita all’interno del parco, è possibile seguire sentieri  in solitaria. Particolarmente apprezzate all’interno del parco sono infatti le attività di trekking e di biking: che sia sulle proprie gambe o in sella ad una bicicletta, sarà possibile immergersi nel verde degli alberi, e raggiungere piccoli paradisi creati dalla natura e dove l’uomo, grazie proprio all’attività di tutela del parco, non è ancora riuscito a inquinare. Un viaggio, quello all’interno del parco, alla scoperta di quelli che sono stati definiti come “paradisi dipinti” , luoghi incontaminati dove il tempo sembra essersi fermato ai giorni di un tempo che fu, e che oggi ancora è.

Visitando il parco di San Bartolo è poi possibile fare una piccola toppa alla scoperta degli scavi archeologici e storici dove di grande importanza sono i resti di una domus romana e di una basilica paleocristiana. Di interesse storico e religioso, nonché di particolare suggestione, è poi il cimitero ebraico, posto alle pendici del colle di San Bartolo, il quale testimonia la presenza in quella zona di uno stanziamento ebraico. All’interno del cimitero, che si estende in una zona del parco, sarà possibile visitare circa 150 monumenti funebri, sebbene si ritenga che numerose altri momenti siano presenti all’interno dell’area ma non siano ancora venuti alla luce.

Una visita, quella al cimitero ebraico, di grande valore storico ma soprattutto umano, dove riscoprire oltre al contatto con la natura anche un profondo legame con sé stessi e con gli uomini.

Oltre quindi al mare e alla spiaggia, Gabicce offre molto di più: un fine settimana tra storia e natura, dove riscoprire un po’ anche se stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *