Cose alternative da fare a Roma

Non basterebbe una vita per godere appieno delle bellezze di Roma. Per chi ci è venuto spesso e conosce perfettamente tutti i percorsi turistici, ma vuole scoprire qualcosa di nuovo, oggi parleremo delle cose alternative che si possono fare nella capitale. Partiamo subito.
Andare alle terme: sono passati duemila anni dall’ epoca dei fasti romani che sapevano godere del tepore delle terme, famose quelle di CARACALLA. Oggi nella capitale ci sono tantissimi centri benessere e spa, vedi qui per la lista, ma se si apprezzano le terme bisogna spostarsi fuori dalla città. Vicino Civitavecchia, a circa 60 km da Roma, ci sono quelle di Ficoncella. Gratuite, si può godere nelle pozze naturali di acqua sulfurea che arriva a toccare 40 gradi nelle vasche. Ficoncella sorge sui resti di un’antica città etrusca.
Salendo verso la Toscana, nel comune di MANCIANO, c’è Saturnia. Anche in questo caso terme gratuite in aperta campagna. Le pozze che si formano hanno acqua caldissima, anche in questo caso di tipo sulfureo.
Andare al mare: Roma è bagnata dal mare. Quello più vicino è il lido di Ostia, d”estate, durante la domenica è affollato ma nei giorni feriali è godibile. La spiaggia più bella, consigliatissima, è quella dell’ oasi naturale di Capocotta. Dune di sabbia con macchia mediterranea. C’è anche un centro di naturismo, ove si rifugiano i nudisti.
Andare a Villa Doria Pamphili: è il parco più grande di Roma e uno dei più grandi cittadini d’Europa. C’è un lago, numerosi sentieri e un acquedotto romano e la Villa da cui la struttura prende il nome. E ‘un luogo ideale per fuggire dalla città e trascorrere una giornata rilassante. Prendete una bottiglia di Prosecco e trascorrere la giornata in riva al lago.
Percorrere la via Appia Antica: è una delle strade romane meglio conservate di tutto il mondo. Una volta era la strada che collegava Roma alle città portuali del sud ovest, parte integrante del commercio romano e della comunicazione, ora è conservata in modo che le persone possono visitarla e camminare attraverso il parco omonimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *